Oggi parliamo di Masterchef. Ma non ci occuperemo di ricette o ristoranti stellati che evidentemente non sono il nostro campo. Parleremo piuttosto di sicurezza su Internet e di come questa è venuta meno per il famoso chef stellato nonché giudice di Masterchef Bruno Barbieri.

Bruno Barbieri vittima attacco hacker

Bruno Barbieri è stato recentemente vittima di un attacco hacker che ha portato alla violazione del suo account email. L’hacker, risultata essere una donna Nigeriana di 33 anni, è riuscita a rubare €30.000 dal conto dello chef Bruno Barbieri. La donna era in procinto di effettuare un secondo bonifico a suo favore dell’importo di €40.000. Queste due operazioni in tempi troppo ravvicinati hanno insospettito la Banca che ha contattato lo chef il quale è così venuto a conoscenza di quello che stava succedendo sul suo conto bancario.

A seguito di un’indagine svolta dalla squadra di polizia giudiziaria della procura e dalla polizia postale di Reggio Emilia, la donna Nigeriana è stata rintracciata a Londra e posta sotto arresto. Nel frattempo, comunque, la donna è riuscita a prelevare parte della somma sottratta attraverso una serie di prelievi presso diversi sportelli Banco Posta di Torino.

Come È Stato Violato Il Conto Bancario Di Bruno Barbieri

Hacker

La vicenda che ha visto coinvolto il famoso giudice di Masterchef è una chiara dimostrazione di come ognuno di noi può essere vulnerabile sulla rete se non si prendono le dovute precauzioni.

Ci sono ancora tantissimi utenti su Internet che quando si parla di navigare in sicurezza si difendono dicendo: non ho niente da nascondere!

Può essere vero che non hai niente da nascondere. Ma il problema reale è quello che un hacker può scoprire una volta che riesce ad accedere ai tuoi account. Questo è esattamente quello che è successo allo chef Bruno Barbieri.

Molto probabilmente anche lui non aveva niente da nascondere, ma leggendo la sua mail la donna nigeriana ha scoperto che molte operazioni bancarie venivano gestite attraverso questo mezzo. Le è stato sufficiente usare un linguaggio e uno stile di comunicazione simile a quello di Barbieri per portare a buon fine un’operazione che è costata allo chef €30.000.

Se la donna avesse agito più di astuzia e avesse effettuato operazioni meno sospette e in intervalli di tempo più ampi, quanto tempo sarebbe occorso per rendersi conto che qualche cosa non quadrava?

Purtroppo potresti non rendertene conto, ma attraverso la posta elettronica trasferisci più informazioni sensibili di quello che immagini. Violare un semplice account email è per un hacker un fertilissimo terreno di caccia.

Se poi fai parte di quel gruppo di utenti che per comodità utilizza la stessa password per tutti i suoi account, i problemi possono essere veramente seri. Una volta violato il primo, l’hacker avrà accesso anche a tutti gli altri.

Quello che è successo a Bruno Barbieri può succedere a chiunque in qualsiasi momento. E le minacce online non si limitano alla violazione degli account email. Molto spesso gli hacker e i criminali digitali riescono ad entrare direttamente nel tuo home banking o ad avere accesso a tutti i tuoi dati sensibili. Se malauguratamente diventi vittima di un furto di identità (link in inglese) i problemi possono diventare non solo di natura finanziaria ma anche penale.

La notizia della truffa ai danni di Bruno Barbieri ha suscitato molto scalpore e curiosità. Ma la cosa più importante in merito a questa notizia è chiedersi come si fa ad evitare di incappare nello stesso problema?

Come Proteggersi Dagli Attacchi Hacker In Rete

La tua sicurezza digitale non può essere lasciata al caso. La tua privacy e i tuoi dati sensibili devono essere protetti in maniera seria.

Esistono molti metodi per proteggersi dagli attacchi dei criminali digitali. Ci sono alcuni comportamenti che vanno evitati in rete che contribuiscono a rendere la nostra presenza online più sicura. Altri sono invece degli strumenti appositamente studiati per nasconderti agli occhi di hacker e criminali digitali.

Vediamo quali sono alcune delle cose di cui hai bisogno per proteggerti su internet:

  • Utilizza sempre password diverse per ogni account. Questa è una regola fondamentale. È diffusissima l’abitudine sia di utilizzare la stessa password per ogni account che quella di usare come chiave d’accesso la data di nascita, il proprio nome, il nome del figlio o altre password facilissime da indovinare per un hacker esperto.
    Le password devono essere lunghe e costituite da sequenze di numeri, lettere maiuscole e minuscole e simboli. Evita più che puoi nomi propri di cose, persone, animali o qualsiasi altra cosa che si trova sul vocabolario.Troppo difficile sia da creare che da ricordare? È proprio per questo motivo che esistono i password manager. Sono degli strumenti che archiviano in modo sicuro e criptato tutte le tue password e te le rendono disponibili al bisogno. Tutto quello che devi fare è ricordarti la password per accedere al password manager e il gioco è fatto.
    Sticky Password Review password manager app
  • Installa un buon antivirus e controlla che il tuo dispositivi sia libero da virus, malware e altre minacce. Assicurati che l’antivirus venga costantemente aggiornato per mantenerlo efficace.
  • Aggiorna il tuo sistema operativo. Questa operazione può a volte essere noiosa e seccante ma è necessaria. man mano che gli sviluppatori scoprono delle falle nel sistema le riparano per rendere il tuo dispositivo sia più efficiente che sicuro.Se una delle falle ha a che fare con la sicurezza, stai sicuro che gli hacker ne sono a conoscenza. Se non provvedi a riparare la falla attraverso un aggiornamento, stai lasciando il fianco scoperto a un possibile attacco.
  • Utilizza servizi di email criptate piuttosto che i client per email più famosi. I servizi di posta elettronica come Tutanota, nascondono tutti i tuoi messaggi email attraverso un codice di criptaggio. In questo modo anche se intercettate, tutte le tue email saranno illeggibili per l’hacker.
    Ad esempio, se Bruno Barbieri avesse usato uno di questi servizi, l’hacker Nigeriano non avrebbe mai potuto decifrare il contenuto delle email e quindi non sarebbe riuscita a mettere a segno il colpo.I servizi come Tutanota sono semplicissimi da usare esattamente come i più famosi servizi webmail e spesso offrono anche degli account gratuiti.
  • Utilizza sempre una connessione VPN. La connessione VPN è lo strumento sovrano se ci tieni alla tua sicurezza in rete.
    VPN On AndroidUna VPN, non solo nasconde tutto il tuo traffico Internet agli hacker o altri malintenzionati. Anche il tuo fornitore di servizi Internet rimarrà allo scuro di quello che stai facendo in rete.Quando utilizzi una connessione VPN la tua navigazione è praticamente anonima.Innanzi tutto il tuo indirizzo IP reale non è più visibile e viene sostituito da quello assegnato dal server VPN che hai deciso di utilizzare. Non solo, anche la tua posizione geografica reale viene nascosta. Se infatti decidi di collegarti ad un server che si trova in Inghilterra, per la rete ti stai effettivamente collegandoti da quella Nazione anche se ritrovi seduto alla tua scrivania.Inoltre la VPN crea quello che viene definito il tunnel VPN. È una sorta di tunnel virtuale che non fa vedere agli estranei quello che si trova all’interno. Tutti i tuoi dati vengono criptati e resi indecifrabili. Anche nel caso che un hacker riuscisse a intercettarli, non se ne farebbe assolutamente niente perché non li può leggere.Le migliori VPN come ad esempio NordVPN, ExpressVPN, HideMyAss e VyprVPN sono facilissime da usare. Una volta installata sul dispositivo, la puoi attivare con un solo click e la tua navigazione diventa totalmente sicura.

    LISTA MIGLIORI VPN

    RankVPN NameRatingMonthly PriceWebsite
    1.5/5 Read review$8.32Website
    2.4.9/5 Read review$6.49Website
    3.4.8/5 Read review$6.55Website
    4.4.7/5 Read review$2.90Website
    5.4.7/5 Read review$3.29Website
    6.4.7/5 Read review$4.95Website
    7.4.7/5 Read review$3.33Website
    8.4.7/5 Read review$3.33Website
    9.4.6/5 Read review$8.25Website
    10.4.5/5 Read review$6.67Website

    Non dimenticare di usare la VPN su tutti dispositivi che usi per connetterti in rete. Molte delle più importanti connessioni VPN consentono di usare lo stesso servizio fino a 5 dispositivi contemporaneamente. In alternativa, puoi installare la VPN sul router di casa e tutti i dispositivi che si collegano saranno automaticamente protetti.

    Il costo di una buona VPN non è elevato con costi che non superano mai i 7/9 Euro al mese. Esistono anche molte VPN gratuite ma ti consigliamo di usarle con accortezza perché possono essere pericolose in termini di sicurezza.

Conclusione

Il fatto che ha visto coinvolto lo chef Barbieri è piuttosto increscioso ma non è un caso unico. Ogni giorno intorno al mondo ci sono migliaia di utenti che si trovano nella stessa situazione ma non finiscono sui giornali perché non sono famosi.

Fatti di cronaca come questi dovrebbero però insegnarti una lezione importante. Se davvero pensi che puoi navigare su Internet senza alcuna protezione perché non hai niente da nascondere, ti stai ingannando.

Internet è purtroppo un posto pericoloso di cui però non possiamo fare a meno. Esistono i mezzi per proteggersi e sono alla portata di tutti. Farne un buon uso è sicuramente il miglior investimento per non trovarsi alle prese con hacker e criminali digitali.

 

SHARE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here